Come rimuovere contenuti diffamatori Studio Legale - Tutela privacy online
15856
post-template-default,single,single-post,postid-15856,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-13.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Come rimuovere contenuti diffamatori

rimozione contenuti diffamatoriIl problema delle false recensioni online è particolarmente sentito tra chi gestisce un’attività commerciale, che si tratti di una struttura turistica o di un ristorante.

Come deve muoversi un’azienda che vede la propria reputazione minata da contenuti diffamatori spesso creati ad arte per screditare?

 

Recensioni negative e troll costano alle aziende decine di migliaia di euro l’anno. Hanno il potere di distruggere letteralmente un’impresa. Si tratta di veri e propri attacchi, spesso organizzati dalla concorrenza per screditare un competitor. In particolare, il proliferare di nuovi siti internet e social media non fa che incrementare il fenomeno. Come fare quindi per rimuovere contenuti diffamatori che danneggiano la reputazione di un esercente commerciale? Il primo passo è quello di verificare le condizioni d’uso dei siti di comparazione online: spesso le condizioni d’uso vietano di pubblicare contenuti falsi, illegali, fuorvianti, diffamatori, calunniosi […]. Per prima cosa consiglierei di rivolgersi al portale intimando attraverso una lettera di diffida l’immediata rimozione dei contenuti diffamatori pubblicati in violazione delle condizioni generali di contratto.

 

Cosa fare qualora il Portale si rifiutasse di rimuovere contenuti diffamatori?

Possiamo rivolgerci direttamente all’autore della recensione. In caso di mancata risposta o se l’autore del commento non è identificabile perché utilizza uno pseudonimo, si richiederà al giudice un provvedimento d’urgenza per obbligare il gestore del portale a fornire l’indirizzo IP dell’utente che ha pubblicato la recensione in modo da poter risalire all’autore del commento e una volta ottenuto l’indirizzo IP, obbligare l’internet service provider a fornire le generalità complete (nome, cognome, indirizzo, luogo e data di nascita ovvero, in alternativa, codice fiscale) del cliente od abbonato a cui è associato l’indirizzo IP.

 

È possibile agire in via d’urgenza nei confronti del portale per rimuovere contenuti diffamatori?

E’ possibile, tuttavia occorre precisare che portali quali Tripadvisor ed altri comparatori, nella loro qualità di internet service provider, non rispondono dei contenuti pubblicati dai propri utenti, in virtù di quanto previsto dagli articoli 14-17 del D. Lgs 70/2013 a meno che non siano considerati quali hosting attivi e non hosting neutri. Nel caso in cui una lettera di diffida non sia sufficiente a rimuovere un contenuto palesemente diffamatorio e lesivo dell’altrui reputazione, si dovrà chiedere al giudice l’emissione di un provvedimento d’urgenza a tutela del soggetto che si ritiene diffamato. A quel punto il portale non potrà rifiutarsi di rimuovere il commento diffamatorio.

Nel 2015 un’ordinanza Tribunale di Venezia in accoglimento di un ricorso d’urgenza ordinava al famoso portale Tripadvisor di rimuovere una recensione diffamatoria. Il giudice rilevava come su Tripadvisor sussisterebbe, in ragione di quanto stabilito in via generale dall’art. 2043 cc., un obbligo, prima ancora di risarcire il danno, di prevenirlo e, quantomeno, di vagliare le recensioni postate dagli utenti ed escludere quelle apertamente diffamatorie, che fanno uso di forme oggettivamente incivili ovvero quelle che non appaiono essere state postate da “veri viaggiatori” tale verifica, infatti, costituisce minimale “garanzia” di veridicità (nel senso di rispondenza delle opinioni espresse e dei fatti narrati ad esperienza effettivamente vissuta) della recensione.  Il giudice ordinava quindi a Tripadvisor la rimozione del post incriminato.

Che differenza c’è tra hosting attivo e hosting neutro?

L’hosting neutro, a differenza dell’hosting attivo, si limita ad un’attività meramente tecnica, automatica e passiva, senza controllare o conoscere le informazioni trasmesse o memorizzate.

 

Come posso intervenire per rimuovere contenuti diffamatori, se il gestore del sito internet si trova all’estero? Posso agire in Italia oppure devo rivolgermi al giudice straniero?

In base alla Convenzione di Bruxelles, articolo 5 n. 3, la competenza a decidere di illeciti extracontrattuali è del giudice del luogo in cui l’evento dannoso è avvenuto. In particolare, nel caso dell’Ordinanza del Tribunale di Venezia sopra richiamata, il giudice osserva come “il luogo di verificazione dell’evento dannoso (la lesione della reputazione e, quindi, del sentimento che la collettività ha del soggetto che si affermi offeso) sia […] quello ove a domicilio il soggetto che si sente diffamato, atteso che è in detto luogo che si verificano gli effetti negativi dell’offesa alla reputazione […]

Vuoi chiedere la rimozione di contenuti diffamatori? Contattaci