Myoblio - Rimozione contenuti online, come operiamo
15632
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-15632,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-13.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Come Operiamo

Esame e studio della richiesta

Valutiamo se la tua richiesta rientra nell’ambito che ci compete: la tutela a 360 gradi della Tua identità personale, riservatezza e reputazione, del nome ed immagine con riferimento ai campi del diritto all’oblio in ambito giornalistico o di cronaca, al trattamento illecito dei Tuoi dati personali e al trattamento lecito dei Tuoi dati ab origine ma ora non più pertinenti, tenendo conto delle novità legislative in materia di trattamento dei dati, delle pronunce del Garante per la Privacy e della Giurisprudenza. Il nostro Studio Ti offre un servizio personalizzato. Procederemo a condividere con Te la miglior soluzione, telefonicamente o attraverso una nota scritta gratuita da parte dei nostri professionisti, offrendoTi il miglior preventivo di spesa.

Rimedi stragiudiziali

Istanza al Titolare o al Responsabile del Trattamento dei dati. In primis il soggetto al quale richiedere la rettifica, l'aggiornamento, rimozione o cancellazione dei dati è il Titolare o il Responsabile del Trattamento dei dati pubblicati sul sito internet (webmaster o amministratore), sui social network (Facebook, etc.) o sulle testate giornalistiche online in cui viene pubblicizzata la notizia contenente i Tuoi dati. Procederemo a redigere un'istanza circostanziata. Istanza a Google o ad altro motore di ricerca. L'istanza a Google o ad altro motore di ricerca mira a consentire la deindicizzazione o la rimozione dei propri dati personali. Generalmente tale istanza viene predisposta insieme a quella indirizzata nei confronti del Titolare o del Responsabile del Trattamento dei dati per avere una maggiore efficacia nel perseguimento del risultato finale, dal momento che la deindicizzazione non comporta la rimozione della notizia all'interno del sito sorgente, per cui è necessario rivolgersi anche nei confronti del Titolare o Responsabile.

Tutela Amministrativa e Civile

Reclamo o Ricorso al Garante della Protezione dei dati personali (Garante Privacy). Qualora i rimedi stragiudiziali si rivelino infruttuosi, in via alternativa al ricorso giurisdizionale si può ricorrere amministrativamente al Garante della Privacy. Valutiamo insieme se il Tuo caso possa avere maggior tutela ricorrendo direttamente al Garante, oppure alla Magistratura ordinaria. Ricorso Giurisdizionale in sede civile. In via d'urgenza, in via ordinaria o mediante impugnazione dei provvedimenti del Garante della Privacy, valutiamo insieme se ricorrere alla Magistratura per ottenere la miglior tutela, rivolgendo se del caso anche richiesta di risarcimento danno.

Tutela Penale

In caso di violazione della legge penale, predisposizione di tutte le attività necessarie sia in fase di indagine che in fase dibattimentale.