Consulenza legale diritto all’oblio “right to be forgotten” e Google Inc. - Studio Legale - Tutela privacy online
15898
post-template-default,single,single-post,postid-15898,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-13.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Consulenza legale diritto all’oblio “right to be forgotten” e Google Inc.

consulenza legale diritto all'oblio13 maggio 2014: questa data segna una tappa fondamentale nell’elaborazione giurisprudenziale del diritto all’oblio. È il giorno in cui viene pronunciata la sentenza della Corte di Giustizia Europea nel caso “Costeja”, sentenza che ha il pregio di chiarire il ruolo dei motori di ricerca rispetto al trattamento dei dati degli internauti e di conseguenza quali azioni siano tenuti ad intraprendere nel momento in cui ricevono una richiesta di rimozione di dati personali.

La controversia, che vedeva opposte da un lato l’Autorità garante per la protezione dei dati personali Spagnola e dall’altro Google Spain SL, originava dal rifiuto da parte di quest’ultima di ottemperare all’ordine dell’Autorità garante di rimuovere alcuni dati personali e di impedirne in futuro l’accesso.

Le conclusioni a cui giunge la Corte di Giustizia sono importantissime:

  • L’attività del motore di ricerca, che consiste nel trovare informazioni pubblicate o inserite da terzi su Internet, nell’indicizzarle in modo automatico, nel memorizzarle temporaneamente e, infine, nel metterle a disposizione degli utenti di Internet secondo un determinato ordine di preferenza, deve essere qualificata come «trattamento di dati personali»;
  • Rispetto ai dati sopra indicati, Google ricopre il ruolo di Titolare del trattamento;
  • Google è soggetto alla normativa sul trattamento dei dati personali in virtù delle filiali aperte sul territorio europeo la cui attività di rivolge agli abitanti di uno Stato membro della UE;
  • Previa soddisfazione delle condizioni prevista dalla normativa privacy, il gestore di un motore di ricerca è obbligato a sopprimere, dall’elenco di risultati che appare a seguito di una ricerca effettuata a partire dal nome di una persona, i link verso pagine web pubblicate da terzi e contenenti informazioni relative a questa persona, anche nel caso in cui tale nome o tali informazioni non vengano previamente o simultaneamente cancellati dalle pagine web di cui trattasi, e ciò eventualmente anche quando la loro pubblicazione su tali pagine web sia di per sé lecita.
  • Compito quindi del gestore del motore di ricerca, è quello di verificare se l’interessato abbia diritto a che l’informazione in questione riguardante la sua persona non venga più, allo stato attuale, collegata al suo nome da un elenco di risultati che appare a seguito di una ricerca effettuata a partire dal suo nome, a prescindere che l’inclusione dell’informazione in questione in tale elenco arrechi un pregiudizio a detto interessato.
  • L’interessato ha diritto fondamentale al rispetto della propria vita privata e familiare, del proprio domicilio e delle proprie comunicazioni (Art. 7 della carta di Nizza) ed il diritto fondamentale alla protezione dei dati di carattere personale che lo riguardano. In particolare, i dati devono essere trattati secondo il principio di lealtà, per finalità determinate e in base al consenso della persona interessata o a un altro fondamento legittimo previsto dalla legge. Ogni persona ha il diritto di accedere ai dati raccolti che la riguardano e di ottenerne la rettifica.
  • i diritti fondamentali di cui sopra prevalgono, in linea di principio, non soltanto sull’interesse economico del gestore del motore di ricerca, ma anche sull’interesse di tale pubblico ad accedere all’informazione suddetta in occasione di una ricerca concernente il nome di questa persona.
  • Tuttavia, così non sarebbe qualora risultasse, per ragioni particolari, come il ruolo ricoperto da tale persona nella vita pubblica, che l’ingerenza nei suoi diritti fondamentali è giustificata dall’interesse preponderante del pubblico suddetto ad avere accesso, in virtù dell’inclusione summenzionata, all’informazione di cui trattasi.

Queste le conclusioni a cui è giunta la Corte di Giustizia nel caso Costeja.

Se desideri rimuovere informazioni e più in generale contenuti da internet, contattaci