Bilanciamento tra diritto all'oblio e diritto di cronaca - Studio Legale - Tutela privacy online
15995
post-template-default,single,single-post,postid-15995,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-13.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Bilanciamento tra diritto all’oblio e diritto di cronaca

Bilanciamento tra diritto all’oblio e diritto di cronaca

Le Sezioni Unite dovranno pronunciarsi sul diritto all’oblio

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione sono state investite della questione relativa al bilanciamento tra diritto di cronaca -posto al servizio dell’interesse pubblico all’informazione – e diritto all’oblio -posto a tutela della riservatezza della persona, alla luce del quadro normativo nazionale e sovranazionale.

Questo in estrema sintesi il contenuto dell’ordinanza 5 novembre 2018, n.28084 con cui la III Sezione Civile della Corte di Cassazione ha rimesso alle Sezioni Unite la questione del delicato assetto dei rapporti tra diritto all’oblio e diritto di cronaca o di manifestazione del pensiero.

I giudici della III Sezione evidenziano come sia ormai diventata indifferibile “l’individuazione di univoci criteri di riferimento che consentano di conoscere preventivamente i presupposti in presenza dei quali un soggetto ha diritto di chiedere che una notizia, a sé relativa, pur legittimamente diffusa in passato, non resti esposta a tempo indeterminato alla possibilità di nuova divulgazione; e, i particolare, di precisare in che termini sussiste l’interesse pubblico a che vicende personali siano oggetto di (ri)pubblicazione, facendo così recedere il diritto all’oblio dell’interessato in favore del diritto di cronaca“.

Al seguente link è possibile scaricare l’ordinanza: https://drive.google.com/open?id=1wliNa_GPyW27ArBadYdzNVT9BLRX9V22

Per richiedere la rimozione di contenuti indesiderati, contatta lo Studio.