Tutela reputazione online e rimozione contenuti online.
16041
post-template-default,single,single-post,postid-16041,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-13.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Tutela reputazione online e rimozione contenuti online.

Tutela reputazione online e rimozione contenuti online.

Avvocato tutela reputazione onlineTutela reputazione online:come chiedere ed ottenere la rimozione di contenuti online.

 

 

La tutela della reputazione online è particolarmente sentito. Molte persone ed aziende sono perfettamente consapevoli dell’importanza di tutelare la propria reputazione sul web e più in generale la propria privacy.

I dati personali sono nostri, ci appartengono, fanno parte e contribuiscono a plasmare la nostra identità che deve essere tutelata da coloro i quali hanno come unico obiettivo sfruttare i nostri dati personali per mere finalità economiche e commerciali.

Troppo spesso, a torto, si pensa che agire per la tutela della propria identità personale sul web sia inutile, dispendioso e richieda troppo tempo. Nulla di più lontano dalla realtà. È invece non soltanto possibile, ma doveroso agire per tempo al fine di rimuovere contenuti che ci danneggiano.

Google impiega una media di 4 giorni per analizzare le richieste di deindicizzazione e prendere una decisione sul caso assegnato. In caso di mancato accoglimento della richiesta, si può proporre un reclamo al Garante privacy.

Quali elementi deve contenere il reclamo al Garante privacy?

Il reclamo al Garante privacy dovrà contenere un’indicazione per quanto possibile dettagliata dei fatti e delle circostanze su cui si fonda il reclamo, delle disposizioni che si presumono violate e delle misure richieste, nonché gli estremi identificativi del titolare o del responsabile del trattamento.

Quali sono i tempi per una decisione?

Il Garante privacy dovrà pronunciarsi con una decisione entro mesi 9 mesi dalla presentazione del reclamo stesso, fermo restando il dovere di informare entro 3 mesi il reclamante sullo stato del procedimento. Attenzione: quando i reclami hanno ad oggetto la violazione del diritto all’oblio (art. 17) sono previste modalità semplificate per la loro trattazione. Di conseguenza si presume che anche le tempistiche per la definizione dei reclami siano inferiori a quelle sopra indicate.

In caso di mancato accoglimento del reclamo è possibile presentare ricorso?

La decisione del Garante privacy può essere impugnata dinnanzi all’autorità giudiziaria ordinaria.

È previsto un modello per inoltrare i reclami?

Il Garante ha predisposto un modello per il reclamo, pubblicato a questo link.

Il nostro studio offre assistenza legale nella stesura dei motivi di ricorso. Aiutiamo i clienti a rimuovere completamente i contenuti da ogni tipo di sito web, incluso siti di recensioni online, forum di discussione, testate giornalistiche, blog, social media. Per contattare lo studio cliccare qui.